Crea sito

Io esisto, e sono quel che sono, di Roberta Turci

A ottobre un Plenilunio non basta. Ha troppe cose da dire, troppe cose su cui far luce.

E tra un Plenilunio e l’altro, la Luna si rinnova con una potenza inusuale.

Comincia così, questo ottobre 2020, con la Luna che si fa Piena in Ariete, il 1° giorno del mese, e fa aspetti potenti, che scuotono e risvegliano.

Rileggi l’articolo sulla Luna Nuova in Ariete di marzo: il primo Plenilunio di Ottobre porta in essere quello che è cominciato lì…

Congiunzioni, opposizioni e quadrature tra gli astri ci segnalano ora che è tempo di sentirsi in diritto di esistere e di affermare con voce ferma quello che sentiamo di voler essere.

 

In omaggio a Quino, pseudonimo di Joaquín Salvador Lavado Tejón, il fumettista argentino “padre” di Mafalda, che ha lasciato il corpo il 30 settembre 2020.

Quante storie ci hanno raccontato? A quante bugie abbiamo trovato comodo credere?

Ci siamo fatti un’idea di quel che dovevamo essere in un tempo lontano, ma da dove è arrivata quell’idea?

Non è certo il prodotto della nostra mente lucida e consapevole.

Piuttosto, arriva dalle memorie più profonde e oscure, quelle chiuse in un baule impolverato, avvolto da catene arrugginite e spesse, e chiuse con un lucchetto di cui nessuno sa dove sia la chiave.

Ci siamo fatti un’idea di come avremmo dovuto essere, di quel che avremmo dovuto fare, e avere.

E abbiamo fatto di tutto per assomigliare a quell’idea.

Anche quando non funzionava.

Anche quando faceva male.

Adesso comincia a fare troppo male. Troppo dolore, troppa rabbia. Ma anche troppa paura di cambiare.

Come si fa?

Hai sognato di avere una bella famiglia, dei figli, di scegliere un buon padre o una buona madre per i tuoi figli. Dovevi essere migliore dei tuoi genitori, riparare ai loro errori, fare quello che loro non erano riusciti a fare.

Hai sognato di avere una bella casa. Hai sposato qualcuno che se la potesse permettere, o che fosse disposto a fare dei sacrifici con te per costruirla proprio come l’avevi immaginata.

Hai coltivato un bel giardino, ci hai messo un cane, o magari anche due. Forse anche un gatto.

Tutto come nelle immagini patinate con cui hanno popolato i tuoi sogni.

Hai sognato di avere un buon lavoro, un ruolo rispettabile. Di guadagnare abbastanza. Di poterti comprare quello che i tuoi genitori magari non potevano permettersi.

Hai sognato.

Hai immaginato.

Ma non eri tu.

Nella tua psiche profonda, sono sepolte da un tempo incalcolabile immagini che appartengono alla memoria della tua anima, alle tue vite precedenti, alla storia dei tuoi avi.

E se in una vita passata, o nella storia della tua famiglia, c’è un’immagine che non è mai stata onorata e pacificata, tu sei chiamato a replicarla, finché non ne prendi coscienza e non cambi lo schema.

Così ti costringi in una coppia che non funziona perché devi aderire a un modello di famiglia che non ti appartiene.

Così ti costringi in un lavoro che non ti soddisfa perché devi aderire a un modello di successo professionale che non ti corrisponde.

E ti costringi a dire di sì quando vorresti dire no.

E dici no alla gioia e all’amore perché non credi di meritarli davvero.

Sono le ferite che la tua anima porta con sé da sempre, che ti stanno condizionando. E la tua mente ti tiene distante da loro, ti racconta di volerti proteggere.

E più ascolti la mente, più ragioni, più dai importanza al ruolo sociale, ai soldi, al riconoscimento professionale, più cerchi applausi e premi, e più sei distante da te e dal senso della vita.

Le energie in gioco si schierano dalla parte della Verità, e ci chiedono forte di stare dentro di noi, con quel Mercurio in Scorpione, più psicopompo che mai, che ci conduce al cospetto delle nostre ombre e delle paure più grandi.

Se tu adesso ti sentissi libero, o libera, di scegliere quello che desideri con tutto il tuo cuore, che cosa faresti?

E qual è la cosa peggiore che potrebbe accadere se tu adesso avessi il coraggio di essere te?

Lo so, cosa stai pensando.

Hai paura di rimanere solo. O sola.

Hai paura di perdere qualcuno che ami, di deluderlo, di ferirlo.

Hai paura che la gente dica di te che sei incosciente e insensibile.

Che ti giudichino un irresponsabile. Che ti taglino fuori.

Hai paura di non farcela.

Ecco perché rimani lì, nel fango. Tu sei convinto di non essere all’altezza, di non valere niente, di non poter resistere da solo. O da sola.

Tu sei profondamente convinta di non meritare di più.

Profondamente.

Ed è proprio lì, che devi andare: nel profondo.

Ti sorprenderà trovarci la forza che nemmeno sapevi di avere, e quella forza potrà sembrarti rabbia feroce, ma in fondo è solo amore. Amore che finora non hai saputo dove mettere. Amore che non ti sei concessa.

Forse qualcuno ti ha insegnato che tutto ha un prezzo, anche i sentimenti.

Forse qualcuno ti ha convinto che non puoi chiedere di più.

Quel qualcuno è stato un attore sulla scena, uno strumento della vita per svegliarti, per costringerti a vedere chi meriti di essere.

Io ti auguro di arrabbiarti. Grida o sussurra chi sei, ma non tacere più.

Puoi essere qualunque cosa, un figlio, una figlia, un padre, una madre, un compagno, una compagna, un amico, un’amica, un capo o un dipendente, puoi essere qualunque cosa, ma perché tu lo sia nel migliore dei modi, devi essere chi sei.

Io esisto, tu esisti.

Io sono quel che sono, tu sei quel che sei.

Nessuno può amarci per quello che siamo, se non mostriamo il nostro vero volto.

Giù la maschera, adesso. Fatti sentire. Preparati la strada, che tra poco sarà tempo di andare.

So che ti sentirai bloccata, che ti sembrerà impossibile.

Stai affilando la spada, pronto a sferrare il colpo, ma ti manca ancora il coraggio.

Se non lasci emergere quella forza, lei farà di tutto per farsi sentire, fino a cristallizzarsi nel corpo, che è sempre messaggero dell’anima. La malattia non arriva né per caso né per sfortuna. Ti porta i messaggi dell’anima, le sue disarmonie.

Fa tutto parte del pacchetto. Sei un’anima che ha scelto di vivere in un corpo un’esperienza di passaggio, di trasformazione. Si tratta di cambiare pelle, di morire per ricominciare.

Tutto sta cambiando, e devi cambiare anche tu. Non si può rimanere immobili, sempre uguali, irrigiditi dalla paura di perdersi. Il rischio è perdersi davvero.

Con fermezza, e con dolcezza, ammetti che sei vulnerabile, guarda le tue ferite.

Chirone è congiunto alla Luna, e attiva le nostre ferite perché nessuno meglio di lui sa quanto siano preziose. (Trovi in questi articoli il mito e la sua interpretazione: CHIRONE, IL GUARITORE FERITO (prima parte), CHIRONE, IL GUARITORE FERITO – Posizione nelle Case, parte seconda e CHIRONE NEI SEGNI ZODIACALI) Finché non lo fai, non saprai mai accorgerti delle ferite altrui, né prendertene cura. Perciò non fingere di essere una persona buona, sensibile, dal cuore d’oro. Ammetti che quando fai del bene, lo fai per sentirti dire che sei una brava persona, perché si occupino di te, perché non ti lascino da parte. Ammetti che usi i tuoi talenti per ricevere complimenti e applausi, e non per un sincero e profondo desiderio di portare gioia agli altri. Ammetti che sotto la maschera di uomo o donna per bene, c’è un bambino, o una bambina, che si aspetta ancora l’attenzione e l’approvazione di mamma e papà.

Ammetti che sei fragile, che non ti basti, che hai paura.

Comincio io: ho paura, sono fragile, una parte di me ancora non crede davvero di meritarsi il meglio, ma sono pronta a tutto. Pronta a voltarmi e andare via. Pronta a lasciare i miei vecchi abiti, così comodi e rassicuranti, le abitudini che mi proteggono dall’incertezza, le persone che avrei voluto accanto per sempre.

No, non è vero, non sono pronta a tutto. Ma so che non posso fare diversamente, che la vita perderebbe ogni senso se mi fermassi qui.

Il vecchio mondo sta crollando. E nel nuovo non ci sarà più posto per le maschere.

Scegli tu, dove vuoi stare.

Scegli tu, chi vuoi essere.

Non si torna indietro. Niente sarà più come prima.

Ma potrebbe essere molto meglio.

Ti abbraccio,

Roberta

P.S. Se vuoi comprendere il cammino che la tua anima ha scelto, se ti serve una guida per scendere nel regno di Ade, e desideri conoscere gli strumenti del Counseling e del Life Coaching Immaginale che utilizzo per fare anima, scrivimi: [email protected] Sono a disposizione per colloqui telefonici o via zoom.

Mi trovi anche su https://lastronellamanica.com

 

Pubblicato da illuminamilanima

Chimico, Counselor, Astrologa. Parola chiave: trasformazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.